Menu

IGUZZINI PRESENTA IL FUTURO DELL’LLUMINAZIONE

3 aprile 2018 - Prodotti, Altro
IGUZZINI PRESENTA IL FUTURO DELL’LLUMINAZIONE

A Light + Building 2018, iGuzzini ha presentato il futuro dell’illuminazione: spazi urbani a misura d’uomo dove, grazie all’Intelligence of Light, le persone sono al centro di tutto. Con un approccio rivoluzionario che fa leva sulla digital transformation, iGuzzini rende la luce l’ecosistema ideale per soluzioni intelligenti, come push notification, indoor positioning e space management: tutto è connesso grazie a BLE, Li-Fi, sensori, beacon, cloud e analitycs.

Lo spazio di iGuzzini è interamente connesso. Tutte le aree – i 12 tavoli di esposizione di prodotto, l’altorilievo della città ideale inserito come sfondo ed elemento identitario dello stand, e la zona food&beverage – dialogano con i visitatori attraverso push notification su App iGuzzini (iG Apps) e forniscono indicazioni in tempo reale per vivere al meglio l’esperienza all’interno dello stand.

In particolare, la sala dedicata all’Intelligence of Light è uno dei luoghi dove scoprire le novità dell’azienda in termini di servizi e tecnologie BLE, Li-Fi, beaconing, iG Apps e interventi illuminotecnici di luce intelligente applicata ai beni culturali, di cui iGuzzini è pioniere.

PADOVA – CAPPELLA DEGLI SCROVEGNI- AFFRESCHI DI GIOTTO

Sono approfonditi il primo intervento illuminotecnico al mondo di Internet of Things applicato ai beni culturali e realizzato per gli affreschi di Giotto all’interno della Cappella degli Scrovegni di Padova e il recente intervento di luce intelligente presso la Royal Academy of Arts di Londra. Vengono inoltre illustrati l’iG BLE Light Management System, i servizi di push notifications, indoor positioning e space management.

ROYAL ACADEMY OF ARTS – LONDRA

L’impegno di iGuzzini è anche di offrire alla lighting community i migliori strumenti per trovare nuove ispirazioni per i propri progetti. La Light Experience in 3D, realizzata dall’azienda e presentata in anteprima mondiale a Light + Building è uno strumento di progettazione illuminotecnica immersiva che consente di sperimentare in maniera interattiva gli apparecchi e i loro effetti luminosi.

Ambientata in 7 stanze, ciascuna delle quali dedicata a una tipologia di effetti e applicazioni, la Light Experience in 3D – fruibile in modalità VR, mobile e desktop – permette a chi progetta la luce di scegliere le migliori soluzioni in qualsiasi momento della giornata e ovunque si trovi. Nel contesto della Fiera, la Light Experience è uno spazio multisensoriale di 100mq, sviluppato in collaborazione con il lighting designer Maurici Gines, per vivere la tecnologia attraverso un emozionante spettacolo multisensoriale composto da suoni ed effetti luminosi.

“L’innovazione è il pilastro fondamentale della nostra azienda, che da sempre investe nel futuro per creare nuovi standard nel settore dell’illuminotecnica. Con questa convinzione proseguiamo il nostro percorso volto a portare elevati livelli di intelligenza all’interno dell’illuminazione” ha dichiarato Massimiliano Guzzini, Business Innovation & Networking Director di iGuzzini. “Le nuove soluzioni che presentiamo quest’anno sono in grado di ispirare i progettisti della luce, offrendo la massima libertà espressiva.”

I NUOVI PRODOTTI

Intelligence of Light è la capacità di progettare soluzioni sempre più miniaturizzate, massimizzandone le prestazioni. Le nuove soluzioni di iGuzzini per esterni e per interni, presentate a Light + Building sono un mix perfetto di tecnologia ad alta efficienza energetica, design innovativo e cura di ogni dettaglio:

– Palco, nato per l’illuminazione museale, è un proiettore in alluminio dal design morbido ed essenziale: un flessibile “involucro” capace di racchiudere in sé alcuni accorgimenti tecnici frutto della tecnologia più avanzata. Gli apparecchi Palco si estendono nella dimensione del micro, sviluppando soluzioni con diametri di 19mm, 37mm e 51mm, anche a superficie e incasso, con driver remoto oppure integrato, con flussi di sorgente da 160 a 2430 lumen.

Lander nasce da un’idea dell’architetto Renzo Piano. Una soluzione studiata appositamente per l’illuminazione del parco della Fondazione Stavros Niarchos ad Atene, la cui sede è stata inaugurata nel 2016. Il concept illuminotecnico definito da Arup richiedeva un’illuminazione specifica e concentrata sui sentieri e sui passaggi con scale; per rispondere a queste esigenze è stato sviluppato un bollard di due altezze diverse (650mm e 950mm);

Un riferimento speciale va a Laser Blade XS (The Blade), il primo prodotto di design “nato per non essere visto”, che nel corso del suo primo anno di vita ha rivoluzionato il settore dell’indoor e dell’outdoor lighting, portando l’iconica collezione Laser Blade a un livello di perfezione estetica e funzionale mai sperimentato prima. “The Blade”, proposto per l’occasione nelle nuovissime versioni a sospensione, a plafone e a binario, si inserisce nella Blade Room, una sala dedicata al tema della miniaturizzazione, che trova il massimo compimento proprio in questo prodotto, vincitore del Premio Design Plus L + B 2018 per la versione a sospensione, assieme al già citato Walky, come prodotti caratterizzati da una futura applicabilità, design innovativo e una tecnologia ad alta efficienza energetica.

 

LA CULTURA DELLA LUCE SI CHIAMA “LIGHTHINKING”


L+B è l’occasione per presentare in anteprima mondiale il primo numero di Lighthinking, il magazine di iGuzzini che raccoglie l’eredità di Incontroluce. Lighthinking è un luogo aperto a tutta la lighting community, in cui la cultura della luce si articola attraverso storia, arte, architettura, progetti, ricerca avanzata, scienze umane, grazie alle energie di un network in continua evoluzione. Oltre a illustrare progetti che raccontano il lavoro di architetti e lighting designer in settori che vanno dalle infrastrutture ai beni culturali, dagli spazi urbani a quelli dell’hospitality & living.

Un importante elemento valoriale sono i contributi editoriali di professionisti di fama internazionale, che discutono gli aspetti teorici, applicativi e i trend legati alla progettazione. Il primo numero si focalizza sul retail e sulla filosofia di brand internazionali e raccoglie i contributi di Oscar Farinetti (Eataly), David Dalziel (Dalziel &Pow), Marco Gobetto (WCM), Pippo Ciorra (MAXXI) ed Elettra Bordonaro (Configuring Light – London School of Economics).

In continuità con la propria missione di migliorare la vita delle persone attraverso la luce, iGuzzini, in collaborazione con Configuring Light/Staging the Social, gruppo di ricerca interdisciplinare della London School of Economics e il movimento filantropico Social Light Movement, presenta Social Lightscapes Workshops, la prima pubblicazione scientifica finalizzata ad integrare le metodologie delle scienze sociali e comportamentali negli aspetti tecnici della progettazione illuminotecnica.

Infine, iGuzzini supporta il progetto Double Dynamic Lighting. A partire da uno studio scientifico e da un approccio olistico sull’interazione tra luce naturale e artificiale, l’obiettivo ambizioso è migliorare la vita delle persone attraverso l’illuminazione dinamica. Il progetto, che si focalizza sull’area pilota dei luoghi di lavoro, giungerà a compimento entro il 2020.

FRANCOFORTE: LIGHT+BUILDING 2018, LUMINALE. LA SEDE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA


CHIUDI
CLOSE