Menu

POST-IT

29 Gennaio 2020 - Post-It
POST-IT

 

 

 

 

VOGUE: NO FOTO OK DISEGNI

La sfida di VOGUE  Italia di gennaio 2020 è di esplorare  strade diverse nel presentare la moda. Tutte le copertine e i servizi “ che si vedono nelle pagine del magazine sono  prodotti da artisti che hanno lavorato affiancati da stilisti e hanno preso in prestito il volto delle donne reali. La sfida  era dimostrare che si può, eccezionalmente,  raccontare gli abiti senza fotografarli. “ E’ con queste parole che il direttore di Vogue Italia,  Emanuele Farneti presenta  il VOGUE che è possibile acquistare in edicola.

Chi sono i 7 artisti  autori dei servizi e soprattutto delle copertine, una diversa dall’altra? Paolo Ventura (la sua copertina a sinistra), Delphine Desane, David Salle,  Cassi Nomada, Vanessa Beecroft, Yoshitaka  Amano e Milo Manara.    VOGUE Italia  non aveva mai avuto una copertina con una illustrazione d’artista da quando esiste la fotografia. VERBA VOLANT e le IMMAGINI restano, mai porre un freno alla creatività.

 

 

 

 

 


DOMUS GENNAIO 2020

L’arrivo di David Chipperfield come “ guest editor” per tutti i numeri di DOMUS 2020 conferma la capacità della rivista di rinnovarsi attraendo i massimi protagonisti dell’architettura e del design.

Il nuovo direttore ha già declinato il suo manifesto – traccia definendo il ruolo centrale del progetto e il compito dell’architettura. “come reagire  alla crisi climatica e alla crescente disuguaglianza? Spesso sosteniamo che la responsabilità sia della finanza e della politica, ma è  ora di sviluppare una teoria che rappresenti il nostro disagio” .

Walter Mariotti, direttore editoriale, ha  detto che “ con l’arrivo di Chipperlfield il sistema DOMUS rivendica il ruolo centrale dell’architettura e del design e si propone come interfaccia di analisi critica della realtà.”

Nella rivista che ci accompagnerà per tutto l’anno, troveremo nell’area design un nome che ben conosciamo e che ci farà conoscere nuove vie e indirizzi prestigiosi, ecco, è Jasper Morrison.

 

 

 

 

 

 


UNA VITA TRA LE PAROLE

Con il CORRIERE SELLA SERA da gennaio 2020 e per  25 settimane, fino a giugno, troveremo in edicola una preziosissima collana con lo stimolante titolo LE PAROLE DELL’ITALIANO.

Si tratta di maneggevoli volumetti di 150 pagine circa dedicati ad UNA VITA TRA LE PAROLE  ( il titolo del numero1) e dintorni come il LESSICO, i DIZIONARI, i LATINISMI, i GRECISMI, MODI DI DIRE, MALE PAROLE ed altri, 25 titoli che ci aiutano a navigare nella grammatica, nella sintassi, nella storia della nostra lingua di cui spesso ci sfuggono nessi, connessi e significati delle parole.

Tutta la collana è a cura di Giuseppe Antonelli, professore di storia della lingua italiana all’università di Pavia, accompagnato da altri nomi di studiosi eccellenti quale Luca Sereni, Roberta Cella, Piero Tifone e non poteva mancare, nell’ultimo volume dal titolo GUIDA ALL’USO DELLE  PAROLE, Tullio De Mauro lo studioso che  “attraverso i suoi libri e le sue scelte ci ha insegnato che la linguistica  può essere non solo scienza sociale ma anche una passione civile”.


FARE LUCE

 “Fare luce, ovvero imparare dai grandi di ieri e di oggi che le intelligenze, le invenzioni e le emozioni intorno a questa componente fondamentale per la nostra vita che è la luce possono essere tante e diverse tra loro: cangianti e magiche, colte e disarmanti, dolci e impalpabili, stupefacenti ed efficaci, sfuggenti ed enigmatiche, funzionali e lampanti, geniali e visionarie, impercettibili e sofisticate, impressionanti e potenti, sorridenti e paradossali, simboliche e poetiche, e tanto altro ancora.”

Il volume Fare Luce, curato da Beppe Finessi e realizzato in collaborazione con Foscarini, raccoglie progetti che parlano di luce grazie a contributi critici di qualità e ad una ricca documentazione iconografica. Fare Luce è un libro che racconta un modo di fare illuminazione e che parla una lingua sola: quella della ricerca continua. Architettura, design, arte, grafica, fotografia: tutto ruota attorno alla luce, che diventa ora strumento e sperimentazione, ora riflessione ed emozione, in una raccolta oltre di oltre 300 opere in cui le consapevolezze del passato dialogano con le sensazioni del presente e le intuizioni del futuro. Trovano spazio in queste pagine i lavori dei migliori artisti internazionali che si sono confrontati con questo elemento affascinate e unico: la luce nelle sue infinite qualità e forme.

(FARE LUCE di Beppe Finessi, in italiano e inglese, pag.272. CORRAINI EDITORE)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CHIUDI
CLOSE